La leggenda di Federico II nei Feudi Mandolivo

Come avrete letto in uno dei miei precedenti post recentemente sono volato in Puglia con il mio fedele Drone. Lo scopo era quello di fare delle riprese aeree dei magnifici trulli dei Feudi Mandolivo in fase di ultimazione prima di diventare un bed & breakfast.

“Come narra la leggenda intorno al XIII secolo l’imperatore Federico II  sembrerebbe aver solcato le floride terre dei Feudi Mandolivo. Egli amava addentrarsi tra le campagne di questa valle per praticare la caccia con il Falcone, un giorno fu costretto a fermarsi perchè il suo cavallo, Dragone, uno splendido destriero arabo, perse un ferro proprio qui, sulle rocce del colle di Ciurbino.

Il contadino che stava coltivando quelle terre, accortosi dell’incidente accorse subito in aiuto del nobile Imperatore, portandogli dell’acqua, un po’ di olive e qualche mandorla, tutto quello che aveva da offrire per poter rifocillare Federico II nell’attesa che giungesse il maniscalco per cambiare il ferro a Dragone.

L’imperatore gradì molto il gesto ospitale di quel contadino e prima di andarsene volle ricompensarlo nominandolo feudatario di quelle terre che lui volle chiamare Feudi Mandolivo in ricordo di quelle mandorle e di quelle olive dal sapore così gustoso che lui non ricordava di aver mai assaggiato. 

Forse questa è una leggenda, ma come sappiamo ogni leggenda ha un fondo di verità. Vero è che ancora oggi sulle terre dei Feudi Mandolivo continuano a crescere rigogliosi i mandorli e ad ombreggiare maestosi gli ulivi secolari che producono un olio dal gusto nobile e delicato. Ed è altrettanto vero che oggi i Trulli dei Feudi Mandolivo sono il rifugio ideale per nobili turisti che, pur non essendo Imperatori, trovano da noi una “Regale” ospitalità in un’oasi di pace immersa nella natura. “

Per info e prenotazione al bed & breakfast contattate il sito dei Feudi Mandolivo cliccando qui.

Potete osservare queste splendide terre dal video ripreso dal mio drone Parrot Bebop 1 e magistralmente montato da Michel Galati.

Se vi è piaciuto il video iscrivetevi al mio canale youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *